VACCINAZIONI E MALATTIE
I cuccioli perdono le loro difese immunitarie nelle prime settimane di vita, pertanto il veterinario preparerà il programma delle vaccinazioni nell’apposito libretto. Quest’ultimo sarà un documento importante, da portare sempre con sé, in cui verranno registrate le vaccinazioni fatte e i richiami annuali. Il libretto delle vaccinazioni dovrà essere esibito ad esempio nelle scuole di addestramento, nelle esposizioni ma anche nei viaggi.
Il primo ciclo delle vaccinazioni di base è fondamentale, per coprire il cucciolo da eventuali malattie che potrebbe contrarre più facilmente in questa fase iniziale della vita. Successivamente, il cucciolo sarà vaccinato circa due o tre volte al mese.

LE MALATTIE PIÙ COMUNI
Nei primi mesi di vita, il padrone dovrà tenere il cucciolo lontano da altri animali di cui non si conosce lo stato di vaccinazione, almeno fino a quando non sviluppi il proprio sistema immunitario.
Tra le principali malattie infettive che il cucciolo può contrarre ricordiamo:

  • LA GASTROENTERITE infettiva con febbre, diarrea e vomito frequente
  • L’EPATITE CONTAGIOSA VIRALE, che si manifesta con apatia, febbre e ittero.
  • LA LEPTOSPIROSI, una malattia che si trasmette da acque di canali e fiumi infetti e che può essere letale.
  • LA TOSSE DEL CANILE
  • LA LEISHMANIOSI è trasmessa dai pappataci (piccoli insetti simili alle zanzare). Per questa malattia non esiste un vaccino, per cui l’unica misura di difesa è la prevenzione con antiparassitari, ad azione repellente, o preparati per cani, da spruzzare sul pelo del cucciolo, e una disinfestazione, accurata e frequente, della cuccia. La malattia colpisce il sistema immunitario e i vasi sanguigni e può essere letale se trascurata. Si dovrebbe prestare la massima attenzione da maggio ad ottobre, nelle ore notturne, quando l’insetto è sveglio e attivo.
  • INAPPETENZA, che fino a 6 mesi può essere indice di malattie infettive
  • SENSIBILITÀ ALIMENTARE e digeribilità degli alimenti
  • SINTOMI INTESTINALI, con diarrea o feci anomale con sangue e muco. In quest’ultimo caso è consigliabile rivolgersi a un veterinario. Nei cuccioli le feci con muco possono essere sintomo di verminosi.

GESTIRE LE EMERGENZE
E’buona norma possedere in casa un kit di pronto soccorso per il nostro cane, utile in caso di emergenza prima dell’intervento del veterinario.

  • CUCCIOLO FERITO – Per trasportare un cucciolo ferito, farlo scivolare delicatamente su un’asse rigida, o su una coperta.
  • CORPI ESTRANEI NELLE ORECCHIE, NEL NASO E NEGLI OCCHI – Provare a estrarre con delle pinzette il corpo estraneo dall’orecchio del vostro Shiba, solo se si trova in superficie. Se un corpo estraneo è invece entrato nell’occhio, sciacquare con acqua e camomilla e portare il cucciolo dal veterinario. Fare attenzione ai «forasacchi», ovvero le spighe selvatiche, che il vostro cane cattura nel pelo durante le passeggiate nell’erba o in campagna. Queste spighe si incastrano nel manto e, se non rimosse, possono penetrare nella pelle (o negli orecchi e nel naso) provocando dolore e infezioni.
  • INTOSSICAZIONE, AVVELENAMENTO O INGESTIONE DI UN CORPO ESTRANEO – In questi casi è fondamentale la tempestività del veterinario. Non indurre in alcun modo il vomito al cucciolo, se non dopo aver sentito il parare del veterinario a telefono e dopo aver indicato il tipo di sostanza ingerita.
  • AGGRESSIONE DA PARTE DI UN ALTRO ANIMALE – La ferita da morso o da graffio, da parte di un altro animale, deve essere immediatamente lavata e disinfettata dietro immediato consulto del veterinario. Anche se all’apparenza la ferita non sembra grave, è bene medicarla, perché potrebbe nascondere profonde lacerazioni.
  • PUNTURA DI INSETTO – Il segnale di una puntura d’insetto può essere il solo rigonfiamento, da medicare con acqua fredda, ghiaccio e una pomata con cortisone, oppure da problemi di respirazione o irritazioni. In ogni caso è opportuno portare il vostro cucciolo dal veterinario per prevenire un possibile shock anafilattico.
  • SE PRENDE LA SCOSSA – Se il vostro cucciolo prende una scossa elettrica, dopo aver rosicchiato un filo elettrico, il padrone dovrà staccare la corrente di casa e con un bastone (mai con le mani) staccare il cucciolo dal filo morsicato e portarlo subito dal veterinario.